Antitrust: multa di oltre 13 milioni a Chef Express e MyChef. Già pronto il ricorso

Castelvetro di Modena (Md) – L’Antitrust ha comminato una multa di oltre 13 milioni di euro a Chef Express (8,420 milioni di euro) e MyChef (4,9 milioni). Secondo l’Autorità, le società, che fanno capo al Gruppo Cremonini, avrebbero posto in atto comportamenti anticoncorrenziali nell’ambito di alcune gare d’appalto per l’affidamento dei servizi di ristorazione autostradale. In particolare, secondo quanto si apprende da una nota dell’Agcm, si sarebbe configurata “una intesa orizzontale segreta di ripartizione dei mercati, la quale risulta essere molto grave, avendo per oggetto il condizionamento di gare a evidenza pubblica e avendo altresì prodotto effetti sulle condizioni di aggiudicazione delle gare”. L’istruttoria in merito era stata avviata nel marzo scorso su segnalazione di Autostrade per l’Italia. Con un comunicato, pubblicato sul proprio sito internet, il Gruppo Cremonini contesta dettagliatamente le accuse e annuncia di aver già dato mandato ai propri legali di presentare ricorso al Tar del Lazio contro il provvedimento definito “ingiusto e infondato” e contro una sanzione (da pagare entro 90 giorni), giudicata “abnorme e spropositata”.