Apofruit: bilancio positivo nel 2016. Ottime le performance del comparto bio

Cesena (Fc) – Il gruppo ortofrutticolo Apofruit rende noto il bilancio 2016, che si chiude con un totale attivo pari a 245 milioni di euro, un patrimonio netto di oltre 100 milioni di euro, un valore della produzione che si attesta a 329 milioni di euro e un risultato netto pari a 1 milione e 231 mila euro. In aumento del 37% il prodotto conferito dagli oltre 3.200 soci produttori, che porta così il totale del volume conferimento a oltre 2 milioni e 800mila quintali. La cooperativa, si sottolinea in una nota diffusa dal gruppo, è passata dalle tre storiche società consolidate (Canova, Mediterraneo Group e Vivi Toscano) a sei, essendosi aggiunte, con acquisizione e controllo che supera l’80%, Canova France, Canova Spagna e Viviromano creata ex novo nel 2016. A contribuire al positivo andamento del 2016 anche le azioni volte al contenimento dei costi fissi al chilogrammo di prodotto lavorato – passati dai 6,2 centesimi del 2015 ai 5,5 del 2016 – e le performance dei prodotti a marchio: Solarelli con fatturato di 14,7 milioni di euro (+5% sul 2015), e Almaverde Bio con 30 milioni di euro di fatturato (+19%). Positivo anche l’andamento dei primi sei mesi del 2017, che vede il fatturato di gruppo in crescita del 10%, trainato principalmente dal trend del biologico, che cresce del 20%.

 

In foto da sinistra: Mirco Zanotti, presidente Apofruit e Ilenio Bastoni, direttore generale Apofruit