Audizione al Senato di Pitruzzella (Antitrust) sull’indagine conoscitiva sulla filiera del latte

Roma – In un’audizione al Senato, il presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella (nella foto) ha indicato i motivi alla base dell’avvio dell’indagine conoscitiva sulla filiera lattiero casearia. L’obiettivo principale del provvedimento è quello di “individuare l’esistenza di eventuali problematiche nel funzionamento delle dinamiche concorrenziali e di mercato, idonee a incidere sui meccanismi di trasmissione dei prezzi lungo la filiera”. Quattro, in particolare, gli aspetti sotto esame: le dinamiche contrattuali con le quali si determinano le condizioni di acquisto e di vendita dei prodotti; i meccanismi di trasmissione dei prezzi lungo la filiera; l’eventuale rilevanza, sia ai sensi della normativa antitrust sia ai sensi dell’art. 62 del D.L. n.1/2012, delle condotte tenute dagli operatori nella contrattazione delle condizioni di acquisto; l’effettivo grado di concorrenza esistente tra operatori attivi nei diversi mercati collegati verticalmente nella filiera produttivo-distributiva. Non solo, l’indagine, partita in seguito alla denuncia di Coldiretti e Codacons, ha lo scopo di definire i campi di azione dell’Autorità. Pitruzzella ha, infine, precisato che sarà importante garantire un “atterraggio morbido” agli allevatori dal regime delle quote latte a un “regime di produzione completamente liberalizzato” e, in questo senso, ha espresso apprezzamento per il Dl 51, emesso dal governo lo scorso 5 maggio.