Cantine Riunite & Civ: nel 2015, 540 milioni di euro di fatturato consolidato previsto

Campegine (Re) – L’Assemblea generale di Cantine Riunite & Civ ha approvato il bilancio dell’esercizio chiuso al 31 luglio 2015.
 La cooperativa, che conta oggi più di 1.800 soci produttori di uve e sedici cantine associate in Emilia Romagna, Veneto e in altre regioni d’Italia, segna ricavi complessivi per 219 milioni di euro, confermando la propria leadership nel segmento del Lambrusco e del Pignoletto, e in quello del Prosecco e dei vini frizzanti veneti. Il risultato d’esercizio evidenzia un utile di 5,5 milioni di euro. Un bilancio che consente quindi un consolidamento patrimoniale della cooperativa e un’ottima remunerazione per i viticoltori che nella vendemmia 2014 avevano conferito 805mila quintali di uve. Cantine Maschio, in particolare, fa segnare un incremento delle vendite dell’8,6% e oggi rappresenta circa il 40% del fatturato complessivo dell’azienda. Nell’export, in evidenza gli Stati Uniti, grazie al Lambrusco Riunite che registra un incremento delle vendite di circa il 20%; bene anche la Francia (+16% nelle vendite) e il Centro e Sud America.
 Si segnala un consolidamento sul mercato nazionale, grazie soprattutto agli importanti progetti realizzati nel 2015 per i vini a marchio Riunite e Righi. Il Gruppo annuncia una chiusura prevista di 2015 con un fatturato consolidato che supererà i  540 milioni di euro di ricavi, comprensivo dei risultati della controllata Gruppo Italiano Vini.