Consumi: il potere d’acquisto delle famiglie italiane in flessione del 4,4% nel terzo trimestre 2012

Roma – Secondo i dati dati diffusi da Istat e Confcommercio, il potere d’acquisto delle famiglie italiane, nel terzo trimestre 2012,  si è ridotto dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 4,4% rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente. E secondo l’Istat, nei primi nove mesi del 2012, rispetto all’analogo periodo del 2011, ha registrato una flessione del 4,1%. La spesa delle famiglie per i consumi è diminuita dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e del 2,2% rispetto al corrispondente periodo del 2011. Secono l’analisi di Confcommercio, l’Indicatore dei consumi ha segnato a novembre una diminuzione del 2,9% in termini tendenziali ed una flessione dello 0,1% rispetto al mese di ottobre 2012. I dati relativi ai primi 11 mesi, ovvero un calo del 2,9% rispetto all’analogo periodo del 2011, mostrano, secondo una nota della Confederazione, “con una certa evidenza come il 2012 si avvii ad essere ricordato come l’anno più difficile per i consumi del secondo dopoguerra”.

(AR)