Crescita economica e debito pubblico sotto la soglia del 100% gli obiettivi del manifesto messo a punto da Confindustria

Roma – Priorità alla crescita economica con misure dall’impatto immediato e riforme strutturali con risultati visibili nel lungo periodo. Sono queste le due parti in cui si articola il manifesto messo a punto da Confindustria in vista delle elezioni. Il documento è stato ieri al centro di un lungo e molto partecipato comitato di presidenza. La riunione fiume dei vertici di viale dell’Astronomia, durata quasi sette ore, ha messo in piedi un piano di azione economica in vista delle elezioni. Nel manifesto elaborato da Confindustria, che sarà ancora oggetto di riflessione e di coinvolgimento del sistema associativo, vengono indicati una serie di obiettivi da raggiungere in cinque anni, ossia nell’arco della prossima legislatura: in particolare si punta ad una crescita economica del 2%, un debito pubblico sotto la soglia del 100% e un ritorno della quota del manifatturiero sul Pil al 20% entro il 2018. Il 23 gennaio, dopo la riunione della giunta, il manifesto verrà probabilmente presentato ufficialmente dall’associazione guidata da Giorgio Squinzi e poi sottoposto all’attenzione delle coalizioni politiche.

 

(ST)