De Cecco: lo storico pastificio cresce anche nel 2017 ed è pronto a quotarsi in Borsa

Fara San Martino (Ch) – Prosegue la crescita del pastificio De Cecco, che in uno scenario di mercato della pasta in contrazione (-1,4%) lo scorso anno ha segnato incrementi in Italia del 7,2%, per un fatturato complessivo che si è attestato a quota 447,5 milioni di euro (+5,7% sul 2015) e un utile di 56 milioni di euro (+19%). In un’intervista apparsa ieri sul supplemento L’Economia del Corriere della Sera, Filippo Antonio De Cecco, presidente della storica realtà abruzzese, segnala come il trend positivo stia proseguendo anche nel 2017. “Quest’anno cresciamo il 3% in più dello scorso anno in Italia e l’8% all’estero”, evidenzia De Cecco. Affrontando il tema delle dinamiche di mercato, il numero uno del pastificio di Fara San Martino (Ch) sottolinea il boom della pasta integrale. “Noi la facciamo da 50 anni”, spiega De Cecco. “Ma ora gli italiani hanno capito che fa bene e la Grande distribuzione, che prima non la voleva, ci chiede anche di distribuire nuovi formati”. E in merito ai recenti rumor di una prossima quotazione in Borsa del Gruppo, Filippo Antonio De Cecco conferma la volontà d’intraprende il cammino, anche in vista di una razionalizzazione dell’attuale affollato azionariato famigliare. “La quotazione consentirà ai famigliari che hanno altri interessi di liquidare e fare investimenti diversi”, spiega il presidente dello storico pastificio di Fara San Martino.

 

In foto: da sinistra, Saturnino, Filippo Antonio e Giuseppe Aristide De Cecco.