De Mari (spedizionieri doganali): “Nessun segreto di Stato sui flussi commerciali delle materie prime”

Meda (Mb) – Giovanni De Mari (nella foto), presidente del Consiglio nazionale degli spedizionieri doganali esprime perplessità in merito alla proposta del ministero della Salute di rendere pubblici i dati relativi all’import di materie prime dall’estero. “I flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero sono rilevabili sia sul sito dell’Agenzia delle Dogane, che su quello del ministero della Salute”, spiega ad alimentando.info. “Gli spedizionieri doganali trasmettono ad entrambi gli organi documenti contenenti tutti i dati, come qualità merceologica, paese di origine, importatore ed altri ancora. Questi dati poi vengono in tempo reale trasmessi all’Istat”. Difficile dunque parlare di opacità nelle transazioni: “Non mi risulta siano coperti da ‘segreto di Stato’: sono sicuramente dati sensibili soggetti come tutti gli altri alla normativa che disciplina e garantisce la privacy. La disinformazione e l’allarmismo costituiscono un altro dei problemi che affliggono il nostro povero paese. Ritengo che il ministro della Salute possa chiedere agli uffici del suo dicastero e dell’Agenzia delle Dogane i dati che occorrono senza bisogno di creare un comitato”.