ESTERI
Cina, latte in polvere: Danone accusata di corrompere i pediatri

Pechino  – Danone avrebbe pagato tangenti ai medici cinesi per raccomandare l’utilizzo del suo latte in polvere in luogo di quello materno. E’ questa l’accusa mossa al colosso lattiero francese dalla polizia cinese, che ha sanzionato 13 tra medici e infermieri nella regione di Tianjin, nel nord del Paese. Danone ha fatto sapere che procederà a un cambio dei vertici di Dumex, la sua filiale cinese, dopo aver accertato che l’azienda “ha condotto certe pratiche che violano i principi dell’impresa”, si legge in una nota del Gruppo.