Expo 2015: firmato oggi il protocollo d’intesa per l’agroalimentare italiano

È stato presentato stamattina a Roma il protocollo d’intesa tra il Mipaaf e Expo 2015. Nel contesto del Tempio di Adriano il neo ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, il commissario unico del governo per Expo, Giuseppe Sala, il commissario generale di sezione per il Padiglione Italia, Diana Bracco, hanno illustrato le prime sette azioni previste dal protocollo. Padiglione Italia realizzerà in un apposito spazio autonomo dedicato all’esperienza vitivinicola italiana. Expo 2015 favorirà però anche la rappresentazione delle filiere agroalimentari, mettendo a disposizione uno spazio dedicato per la realizzazione di un padiglione specifico. Trova così conferma l’indiscrezione di un “padiglione corporate”, come l’ha definito la stessa Diana Bracco. Delineate anche le strategie per i progetti “start up”, “formazione”, “eccellenze italiane” , “promozione del made in Italy” e l’ambizioso piano per l’educazione alimentare nelle scuole, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca. A questo proposito è intervenuta in videoconferenza, anche il neo ministro del Miur, Stefania Giannini. Da rimarcare infine che Sala ha aggiornato il numero degli espositori confermati (144), spiegando che circa sessanta avranno padiglioni propri, mentre i rimanenti saranno presenti nei cluster tematici (spezie, caffè, cacao) e sottolineando l’importanza della visitor experience, come linea guida del lavoro ancora da fare nei 417 giorni che mancano all’apertura ufficiale.