Ferrero sempre più vicina all’acquisto dei dolci Nestlé negli Usa

New York (Usa) – Una pubblicazione del New York Post (leggi qui) conferma l’interesse di Ferrero per le barrette di cioccolato Nestlé negli Stati Uniti, inclusi i noti brand Crunch e Butterfinger. Un affare da 2 miliardi di dollari (quasi 1,7 miliardi di euro) che porterebbe Ferrero sul terzo gradino del podio riservato ai produttori americani di dolciumi, dopo Hershey e Mars. La corsa per l’acquisizione vedrebbe Ferrero come prima candidata, dopo il ritiro di Hershey, che nei giorni scorsi ha rilevato il produttore dei popcorn SkinnyPop, Amplify, per 1,6 miliardi di dollari (oltre 1,3 miliardi di euro). Unico altro rivale sarebbe un piccolo gruppo di private equity, poco papabile. Nestlé, che aveva reso noto di voler vendere la sua divisione di dolciumi negli Stati Uniti in giugno (leggi qui), dovrebbe annunciare il vincitore dell’asta a gennaio e chiudere la vendita entro marzo.