Gelaterie Versace cresce in Usa e cambia formula d’investimento

Milano – Un esempio di successo del made in Italy all’estero. Stefano Versace Gelateria Italiana & Gourmet conta 23 gelaterie negli Usa, tra quelle aperte dal 2013 e quelle in apertura nel 2017 nel cluster di Philadelfia, con una media annua di revenue fra i 400mila e 600mila dollari (circa 5oomila euro). Il fondatore, Stefano Versace (in foto), si è fatto strada a partire dalla Florida, passando per Pennsylvania, Georgia, New Jersey e Virginia. Con le prossime aperture si arriverà a quota 30 entro la fine dell’anno. “Anche la formula dell’investimento è cambiata, passando dal modello di licensing/franchising al modello di investimenti passivi in joint-venture”; spiega l’imprenditore. “La regola della condivisione del flusso di cassa prioritaria per l’investitore è stata progettata per proteggere l’investitore stesso dalla volatilità del flusso di cassa annuale. Inoltre, la maggior parte del rischio del flusso di cassa di un’eventuale non raggiungimento degli obiettivi di vendita viene assunta dalla Holding, e anche se i flussi di cassa fossero la metà del previsto, l’investitore ottiene comunque il 24% del rendimento prima delle tasse sul suo investimento”.