Giovanni Cobolli Gigli: “L’online determina concorrenza sleale”

Milano – “Un mondo che opera con vantaggi fiscali e al di fuori delle regole che limitano promozioni e sottocosto nel commercio fisico e che quindi determina condizioni di concorrenza sleale”. Giovanni Cobolli Gigli, presidente di Federdistribuzione, commenta così l’e-commerce sulle pagine de La Repubblica Affari&Finanza. Le vendite online, infatti, hanno un forte impatto sull’andamento del commercio al dettaglio, che, nel mese di novembre 2017, ha fatto registrare un incremento a valore dell’1,4% su base annua. Una performance che segue il +3% registrato in settembre e il -2,3% di ottobre.