Granoro: siglato un importante accordo di filiera con OP Mediterraneo

Roma – Firmato il 21 novembre, nella sede di Confagricoltura a Roma, l’accordo di filiera tra l’Organizzazione di Produttori OP Mediterraneo, società cooperativa foggiana che conta 150 associati, e il pastificio Granoro. Un’intesa innovativa che mira a diventare un modello d’integrazione e sviluppo economico e sociale del territorio, replicabile anche in altri comparti. Si parte dalla Puglia, area di coltivazione, produzione e molitura del grano destinato a Granoro. L’accordo di filiera firmato tra OP Mediterraneo e la realtà produttiva di Corato (Ba) definisce le caratteristiche minime della granella sulla base di parametri tecnologici, merceologici, qualitativi (proteine, glutine, colore) e contaminanti. Le condizioni commerciali stabiliscono le quantità (definite in base alle adesioni dei cerealicoltori), il ritiro (stabilito per quote mensili), il periodo (da giugno 2018 a maggio 2019), il pagamento prevede un acconto erogato da Granoro pari a 200 euro per ettaro e saldo alla consegna del grano, prezzo (minimo garantito), e premi (per maggiorazione proteica, e per coltivazione con metodo biologico). “Questo accordo è un altro tassello che aggiungiamo al percorso degli accordi di filiera che abbiamo iniziato da qualche anno”, ha commentato Marina Mastromauro, Ceo del Pastificio Granoro. “L’industria e l’agricoltura che lavorano insieme per lo stesso fine: portare la qualità italiana nel mondo”.

In foto: con i rappresentati di OP Mediterraneo, seconda da destra, Marina Mastromauro e, al centro, l’onorevole Filippo Gallinella.