Guerra alla pastiera napoletana di Melegatti. L’azienda: “Accanimento ingiustificato”

Verona – Non è piaciuta ai napoletani la nuova versione in scatola, a opera di Melegatti, del più tipico dei dolci pasquali campani: la pastiera napoletana. Tanto che su Facebook è comparsa una pagina intitolata: “Diciamo no alla Pastiera Melegatti”. Un tam tam mediatico che si è propagato a macchia d’olio, e che oggi vede il noto marchio dolciario veronese fare alcune precisazioni: “In questi giorni ci giungono notizie che ci sia una critica su un prodotto della nostra azienda: La Pastiera. Non si capisce perché ci sia questo accanimento ora, su un prodotto che è in commercio da ben 13 anni. Sappiamo tutti che è un dolce tipico, sottolineo tipico e non tutelato, della terra Partenopea, ma l’intento non era di creare una sorta di concorrenza ma bensì di utilizzare un termine comune per un dolce tipico della Pasqua. Gli ingredienti, grano saraceno e aroma all’arancia hanno poco a che fare con l’originale ‘Pastiera Napoletana’”.