Calano le vendite dei vini fermi italiani nella Gdo francese

Francia – Se l’incremento generale delle vendite di vino fermo nella Gdo francese è il più significativo degli ultimi cinque anni (+1,1% in volume e +5,2% in valore), in Francia i vini fermi italiani perdono quota. Infatti, all’interno del report pubblicato da FranceAgriMer (elaborazione dei dati Infoscan di Iri), relativo alle vendite 2013 di vino fermo nella grande distribuzione francese, le etichette italiane registrano una flessione in termini sia di volume (-21,4% vs 2012) sia di valore (-6,2% vs 2012). Nel 2013, in questo segmento di mercato, le vendite dei prodotti italiani sono scese al 17% in volume e al 18% in valore (71mila ettolitri per 17 milioni di euro di fatturato). Il prezzo medio di vendita è aumentato del 19,4% rispetto al 2012, raggiungendo un prezzo di 2,38 € al litro (l’incremento più forte tra i vini a denominazione protetta). Per quanto riguarda, invece, più in generale, le vendite di vini fermi nella Gdo francese, emerge che sono i rossi a guidare la classifica con un peso del 54% a volume (-1% vs 2012) e del 56% a valore (+3,1%). Seguono i rosati, che valgono il 29% a volume (+4,6%) e il 24% a valore (+9,9%). In coda i bianchi, che rappresentano il 17% a volume (+1,8%) e il 20% a valore (+5,6%). Il prezzo medio di vendita registrato per i vini fermi è pari a 4,05 €/litro (+4,1% rispetto al 2012).