Il Forteto: da Roma arriva il ‘no’ al commissariamento della cooperativa

Roma – Le irregolarità sono state sanate e l’attuale Cda della cooperativa Il Forteto può restare in carica. Sono queste le conclusioni a cui è giunto il ministero dello Sviluppo economico, dopo 14 mesi di ispezioni, rispetto al caso della Cooperativa toscana, di cui da più parti si chiedeva invece il commissariamento. La decisione, comunicata pochi giorni fa al presidente del Consiglio regionale, Alberto Monaci, sancisce quindi “l’avvenuta regolarizzazione delle criticità oggetto di prescrizione”. In realtà, nel mese di ottobre 2013, a seguito della relazione degli ispettori inviati nella sede de Il Forteto, il ministero si era pronunciato a favore del commissariamento, decisione poi mutata dopo una indagine supplementare. Le contestazione seguite alla prima indagine riguardavano promiscuità tra cooperativa e comunità, che vede inoltre 23 dei suoi membri a processo, accusati di maltrattamenti e violenze a danno di minori. A questo si aggiungevano casi di mobbing, irregolarità nelle buste paga e nei Cud. La decisione del ministero sta suscitando numerose polemiche, anche rispetto al ruolo del ministro Giuliano Poletti, legato proprio al mondo delle coop.