Import: formaggi duri non Dop a +39,87%

Roma – Secondo i dati delle importazioni di prodotti lattiero caseari in Italia, diffusi oggi da Clal.it, i formaggi duri non Dop registrano una crescita a volume, nei primi due mesi dell’anno, pari al 39,87%. In calo, invece, le quotazioni (-22,27%). In testa ai paesi d’origine la Germania, seguita da Repubblica Ceca e Ungheria. In crescita anche le importazioni di brie (+16%) e guoda (+9,11%). Vistoso calo, sempre a volume, per l’emmental (-22,35%). Segno meno anche per i grattugiati (-1,37%), per l’edamer (-3,31%) e per i formaggi destinati alla trasformazione (-5,82%). Stabile il latte sfuso intero in cisterna (+0,81%). Nel complesso, le importazioni crescono del 2,83% a volume e del 8,98% a valore.