Italia del Vino – Consorzio scommette sulla Cina. E apre all’ingresso di nuovi soci

Milano – Si è tenuta questa mattina, presso la sede della stampa estera di Milano, la presentazione ufficiale del nuovo presidente di Italia del Vino – Consorzio, Andrea Sartori. Nell’occasione, il nuovo numero uno dell’associazione ha presentato i progetti futuri di questo aggregato d’imprese che riunisce dodici fra le più importanti aziende del comparto vitivinicolo italiano. In programma, importanti investimenti per la promozione del vino italiano nei mercati extra Ue. Soprattutto in Cina, Paese su cui forte si concentrerà l’attenzione di Italia del Vino – Consorzio. “Il progetto nel mercato cinese ha riguardato un investimento di 1,25 milioni euro in tre anni e ci ha visti anche al fianco di partner importanti come Istituto del vino italiano di qualità Grandi Marchi”, spiega Sartori. “Tra le varie attività svolte, abbiamo realizzato un incoming di 45 operatori media cinesi che hanno visitato molte realtà vinicole del Nord e Centro Italia. Un’azione che ci siamo impegnati a continuare anche quest’anno, con l’organizzazione di visite di operatori cinesi nelle aziende del Centro Sud Italia a luglio, un evento a Shanghai il prossimo autunno e l’avvio di alcuni partenariati importanti che permetteranno di dare vita a un ‘sistema Italia’ di valorizzazione del nostro patrimonio enologico”. Italia del Vino – Consorzio sarà, inoltre, presente alla prossima edizione di Vinexpo, a Bordeaux (Francia), dal 14 al 18 giugno prossimi, con un unico stand comune, dove porterà le molte eccellenze enologiche delle aziende che lo compongono. Durante la presentazione, un accenno anche all’ambito italiano. In merito alla possibile entrata di nuovi soci all’interno di Italia del Vino – Consorzio, Sartori ha dichiarato: “Al momento non siamo completi: mancano, nello specifico, regioni come Sardegna, Marche o Abruzzo. Stiamo cercando di ragionare su questo aspetto e d’individuare anche aziende agricole di dimensioni più contenute che siano rappresentative di realtà locali. Siamo aperti a nuove entrate e all’inclusione di altri soci che condividano il percorso da noi già intrapreso e fondato su una mentalità fortemente orientata all’export”.

 

In foto: Andrea Sartori, presidente di Italia del Vino – Consorzio e numero uno di Casa Vinicola Sartori, insieme a Roberta Corrà, vicepresidente dell’associazione, nonché direttore generale di Gruppo Italiano Vini.