Nasce il Consorzio di garanzia del suino italiano

Mantova – Il 9 febbraio viene firmato l’atto costitutivo del Consorzio di garanzia del suino italiano, presso lo studio notarile del dottor Massimo Bertolucci di Mantova. Si realizza così un progetto nato oltre un anno fa da alcuni allevatori, con l’obiettivo di valorizzare ulteriormente la qualità dei suini nati e allevati in Italia e garantire una maggiore sicurezza alimentare al consumatore, migliorando al contempo la redditività dei produttori. Soddisfatto Giuseppe Ferrari, presidente di Assosuini ed esponente del Comitato promotore del Consorzio, che avrà anche un suo marchio ancora da definire. “Per la prima volta”, dichiara, “gli allevatori vestiranno il ruolo di protagonisti principali garantendo al mercato una produzione certificata, ottenuta solo da suini nati e allevati in Italia. Sarà così possibile anche contrastare efficacemente la concorrenza estera”. Attualmente sono circa 50 gli allevatori che hanno aderito al Consorzio, che non vuole in alcun modo mettersi in contrapposizione con altri enti di tutela come il Consorzio del prosciutto di Parma o del San Daniele. Come precisa Ferrari, “l’obiettivo è proprio quello di collaborare per valorizzare la produzione suinicola italiana. A questo proposito ci avvarremo di un Disciplinare di produzione creato ad hoc”.