“Nel cuore di Asolo, un vigneto ritrovato”: un nuovo ambizioso progetto firmato Montelvini

Asolo (Tv) – “Nel cuore di Asolo, un vigneto ritrovato”: è il nome di un progetto che racconta un legame speciale, quello tra Montelvini e la città di Asolo. Ed è anche la nuova sfida che la cantina veneta ha presentato ufficialmente, sabato 7 ottobre, nella sede del Comune di Asolo, alla presenza del sindaco Mauro Migliorini. Alberto Serena, amministratore delegato di Montelvini, ha illustrato l’ambizioso progetto di recupero di un piccolo appezzamento vitato posizionato nel centro storico della città. Si tratta di quello che è stato definito “Vigneto ritrovato” e che rappresenta una sorta di Cru di mezzo ettaro in cui si lavorerà al recupero del genoma della pianta originale, per andare alle radici della storia del Prosecco Superiore e dell’Asolo Docg. Una Denominazione di cui la cantina di Venegazzù si fa portavoce del mondo. Il progetto “Vigneto ritrovato” impegnerà Montelvini nei prossimi anni e vedrà la prima produzione effettiva soltanto a settembre 2022. Previsto, poi, nel 2023 l’arrivo sul mercato delle prime bottiglie del “Cru vigneto ritrovato”.

 

In foto: la presentazione del progetto nella sede del Comune di Asolo