Parmalat rimborsata dalla banca statunitense J.P. Morgan con 42,9 milioni di euro

Collecchio (Parma) – Un nuovo tassello nella vicenda riguardante il crac che nel 2003 ha investito Parmalat. Con un comunicato stampa, l’azienda parmense ha annunciato di aver raggiunto un accordo transattivo per la risoluzione extragiudiziale dei contenziosi giudiziari con il gruppo bancario J.P. Morgan, coinvolto nel fallimento per l’emissione di bond. La banca statunitense ha riconosciuto un rimborso di 42,9 milioni di euro, a integrale e definitiva tacitazione delle pretese avanzate nei suoi confronti, “senza che ciò costituisca ammissione di responsabilità”, recita il comunicato.