Partenariato economico Giappone-Ue: accordo definitivo entro l’anno

Tokyo (Giappone) – Giappone e Unione Europea (che rappresentano insieme il 30% del prodotto interno lordo globale) sono fortemente intenzionati a raggiungere un accordo definitivo per il partenariato economico entro la fine dell’anno. E’ quanto trapela da fonti anonime vicine ai negoziati, anche a seguito della teleconferenza intercorsa oggi tra i ministri degli Esteri e dell’Industria giapponesi, Taro Kono e Hiroshige Seko, e il commissario europeo per il Commercio, Cecilia Malmstrom. L’Epa (Economic Partnership Agreement) è stato firmato ‘in linea di principio’ lo scorso 6 luglio, ma la sua approvazione finale resta in sospeso a causa di una clausola, richiesta dal Giappone, che permetterebbe alle aziende che investono in Europa di fare causa ai paesi stessi in caso di contenziosi (Isds). La parte europea si è opposta a tale clausola, prolungando i tempi delle trattative. Ma l’importanza del trattato – che prevede la diminuzione (o, in casi come quello del vino, la totale abolizione) dei dazi doganali – spinge le due parti verso l’intesa.