Pasqua Vigneti e Cantine: nuovo corso, tutto al femminile, per il brand Cecilia Beretta

Milano – Lanciato venerdì 22 marzo, a Milano, presso Alice Ristorante della chef stellata Viviana Varese e alla presenza della famiglia Pasqua al completo, il nuovo corso del brand Cecilia Beretta. Un marchio di vini creato dall’azienda veronese all’inizio degli anni ’80, a seguito dell’acquisizione dell’omonima tenuta agricola, ma mai sfruttato nel suo pieno potenziale commerciale. E oggi posto al centro di un’importante operazione di rilancio tutta al femminile. Alla guida del progetto, Cecilia Pasqua, terza generazione della famiglia, cui è stata affidata la gestione commerciale del brand. Ad affiancarla, in quel che riguarda l’attività di promozione e comunicazione, Sara Biasi e, in cantina, Graziana Grassini, una delle prime donne winemaker d’Italia, nonché allieva di Giacomo Tachis, chiamata a supervisionare l’ambito produttivo. L’enologa toscana ha già fornito il proprio attivo contributo alla rivisitazione del Mizzole Valpolicella Superiore Doc e, nel corso dell’anno, fornirà nuovi input per un altro vino di questa linea dai tratti volutamente eleganti e votata alla valorizzazione del territorio in cui nasce. “Siamo qui, all’anno zero, per dare il via a un progetto fantastico, in grado di coniugare i tratti della grande e importante tradizione che vanta alle proprie spalle con i valori di audacia e intraprendenza”, ha spiegato Riccardo Pasqua, amministratore delegato della cantina veronese. “Quella di Milano sarà la prima tappa di un roadshow internazionale, per svelare al mondo il nuovo volto di Cecilia Beretta, sempre più focalizzato su una produzione di vini di qualità della Valpolicella e il recupero di uvaggi indigeni, Corvina in primis”.

In foto, un’istantanea della presentazione del 22 marzo a Milano. Da sinistra, Riccardo Pasqua, la giornalista Anna Scafuri, Cecilia Pasqua e Graziana Grassini. 


ARTICOLI CORRELATI