Plasmon: braccio di ferro con i sindacati

Milano – Rottura tra i sindacati e Plasmon. Dopo che nei giorni scorsi l’azienda aveva reso noto 220 esuberi, i primi incontri tra lavoratori e dirigenti di Heinz, proprietaria del marchio, non sono andati a buon fine. Annunciate per martedì, quindi, negli stabilimenti di Latina e Ozzano Taro (Pr) e negli uffici di Milano, quattro ore di sciopero e in più altre otto in base al calenderio dei tavoli. Secondo Plasmon il rallentamento dei consumi, anche nel baby-food, ha imposto una riorganizzazione dell’organico. Contrario a questa versione Mauro Macchiesi, segretario nazionale Flai Cgil, che dichiara oggi al Sole 24 ore: “La società non è in crisi ma ora, dopo l’acquizione di Heinz da parte dei due colossi del food Buffet e 3G Capital, vogliono imporre un recupero di profittabiità che giustifichi il maxi investimento”.


ARTICOLI CORRELATI