Schenk Italia conferma la crescita: nuovi investimenti per il 2019

Ora (Bz) – Un 2018 positivo per Schenk Italian Wineries. A confermarlo sono le parole di Daniele Simoni, amministratore delegato del gruppo: “Grande soddisfazione ci hanno dato tutti i nuovi prodotti, in particolare quelli della linea Masso Antico, che sono stati recepiti in modo straordinario a livello di vendite. Nonostante mercati come Stati Uniti e Nord Europa abbiano registrato una flessione a livello generale, i numeri di Schenk Italian Wineries raccontano di un quadro molto positivo sulla distribuzione dei marchi e sull’export”. Rispetto a una produzione complessiva 2017 di 52 milioni di bottiglie, il Gruppo Schenk Italia vede l’approssimarsi dell’obiettivo di quota 10 milioni di bottiglie per i marchi Premium e Territorio. “Solo nel mercato Horeca, per queste etichette, abbiamo già superato le 600mila unità e credo arriveremo in anticipo a un milione: risultato, questo, che avevamo prefissato per la fine 2020”, evidenzia Simoni. “I successi raggiunti e l’ottima vendemmia 2018, fanno preannunciare quindi un 2019 davvero straordinario, dove non avremo alcuna restrizione in termini quantitativi e potremo andare sul mercato aumentando i volumi e mantenendo altissima la qualità”. Anche in vista dei nuovi traguardi, Schenk Italian Wineries rilancia con importati investimenti, tra cui si segnalano l’acquisto di nuovi vigneti per ‘Bacio della Luna’ e l’ampliamento, grazie a un piano triennale da oltre 4 milioni di euro, della realtà produttiva di Vidor (Tv), nonché lo sviluppo e il rinnovamento delle cantine ‘Lunadoro’ a Montepulciano (Di) e ‘Kellerei Auer’ ad Ora (Bz).


ARTICOLI CORRELATI