Vescicolare suina: la Campania riconosciuta indenne dall’Ue

Bruxelles (Belgio) – Lo scorso 19 settembre lo Standing committee on plants, animals, food and feed della Commissione europea ha votato a favore del riconoscimento di indennità della regione Campania dalla malattia vescicolare del suino. Grazie al costante lavoro e considerevole impegno della regione e del ministero della Salute è stato possibile raggiungere questo importante traguardo che segna un ulteriore passo verso l’indennità dell’intero territorio italiano. Ora solo la regione Calabria non è ancora accreditata, ma il dossier è al vaglio del ministero ed è possibile che presto venga inviato alla Commissione per una prima visione. L’eradicazione della vescicolare suina porterebbe ad una svolta per l’export verso i paesi terzi. Com’è noto, l’Ue e altri paesi riconoscono il principio di regionalizzazione, quindi le esportazioni italiane non sono compromesse in blocco, ma solo relativamente alle zone interessate dalla vescicolare. Altrove, però, questo principio non viene attuato. “La maggior parte dei paesi extra Ue”, spiega una nota di Assica, “adotta divieti all’importazione di carni suine e relativi prodotti dall’intero nostro paese”.