Vino: il mondo cooperativo vale il 60% del fatturato di settore

Roma – Sempre più di primo piano il ruolo della cooperazione nel comparto vitivinicolo. Lo evidenzia un’analisi di Nomisma Wine-Monitor, che parla di un insieme di 484 cantine cooperative in Italia, per 140.700 soci viticoltori riuniti. È di 4,5 miliardi di euro il fatturato generato, che rappresenta il 60% del totale settore vino italiano. “In un comparto che negli ultimi cinque anni cresce nell’export del 27% e che rappresenta il principale ambasciatore del made in Italy agroalimentare, la cooperazione fa registrare una crescita che dal 2008 (anno di scoppio della recessione globale) al 2016 ha superato il +40%, più della media dell’intero settore vitivinicolo italiano (+38%) raggiungendo addirittura un +53% nel caso delle prime 20 cooperative per fatturato”, sottolinea Denis Pantini, responsabile Nomisma Wine-Monitor. “Tale crescita è stata trainata dall’export: basti pensare che, tra 2012 e 2017, le esportazioni cumulate di vino di queste top cooperative sono cresciute a valore del +44%. E lo sviluppo delle performance economiche ha portato oggi ad annoverare otto cooperative nella classifica delle prime 15 imprese italiane del vino, nonché otto realtà italiane nella graduatoria delle principali 15 cooperative vinicole europee”.


ARTICOLI CORRELATI