Ancd Conad alla Camera: no a restrizioni sulle aperture domenicali

Roma – L’Associazione nazionale cooperative dettaglianti Ancd Conad è stata ascoltata in audizione alla Camera dei deputati, presso la X Commissione attività produttive e turismo. A tema le proposte di legge sulle aperture domenicali degli esercizi commerciali. Ancd Conad ha ribadito la sua contrarietà a ogni ipotesi di riforma che preveda limitazioni rispetto alla normativa attuale. Un cambiamento avrebbe ricadute negative non solo sulle imprese che operano nella Gdo, con conseguenze sull’occupazione, ma anche sui consumi e sul Pil del Paese. La proposta sulle chiusure domenicali riguarda da vicino anche il sistema Conad, che attualmente conta 3.149 punti vendita e 52.762 addetti, con un fatturato di 13 miliardi di euro (al 31 dicembre 2017 ). Lo scorso anno le aperture domenicali hanno riguardato 1.334 negozi (il 42,3% del totale), richiedendo l’impiego di circa 25mila addetti (il 47% del totale). Il fatturato realizzato durante queste giornate ammonta a 1.476 milioni di euro all’anno, ovvero l’11,3% del totale (in crescita del +16%). Nell’audizione, Ancd Conad sottolinea che nei punti vendita vengono applicati contratti di settore che regolamentano orari e turni di riposo.

 

Tags: ,

ARTICOLI CORRELATI