Eataly: il passaggio generazionale è cosa fatta

Milano – Nicola Farinetti, 35 anni, diventa Amministratore delegato della nota catena Eataly. Il fratello maggiore, Francesco Farinetti, sarà vicepresidente con Luca Baffigo Filangieri (a cui spetta la delega al business development), oltre che Ceo di Greenpea (nuova avventura imprenditoriale di famiglia dedicata al vivere sostenibile). Il terzogenito di Oscar Farinetti, Andrea, 29 anni, continuerà a occuparsi di Fontanafredda e delle aziende produttive. Questo, secondo quanto riportato dal Corriere Economia, il riassetto della governance di Eataly, con Andrea Guerra che rimane presidente esecutivo. Positivo, secondo Nicola Farinetti, l’andamento del 2019: l’esercizio dovrebbe chiudersi a 600 milioni di euro. E dopo l’inaugurazione dello store di Toronto, il 41esimo, nel 2020 sono previste le aperture di Dallas e Londra. “Abbiamo un piano di sviluppo focalizzato sul Nord America, dove andiamo benissimo, ma vogliamo aprire un Eataly in ogni capitale europea”, ha spiegato il futuro Ad. Che sulla quotazione in borsa aggiunge: “Ce l’abbiamo in mente, è giusto che Eataly diventi di proprietà del mondo, però non siamo una famiglia che va di fretta: vedremo quando il mercato sarà pronto”.


ARTICOLI CORRELATI