Melegatti: tra i creditori anche ex manager e azionisti

Verona – Tra gli oltre 300 creditori di Melegatti, figurano anche ex manager e azionisti. Secondo il Corriere del Veneto, il Tribunale di Verona (foto) ha rigettato la richiesta di 50mila euro avanzata dall’ex azionista di maggioranza Gigliola Ronca; così come quella di Umberto Lercari, tra i registi dell’acquisizione di Nuova Marelli, operazione che avrebbe dovuto sostenere l’azienda con la produzione di referenze continuative (brioche e merendine) e che invece ha contribuito al crac. Per il giudice questi presunti creditori sono responsabili di “inadempimento di obblighi di corretta gestione”. No anche alla richiesta di 1,3 milioni di euro da parte del fondo Abalone, che si era fatto avanti per salvare l’azienda partecipando alla mini campagna natalizia, secondo il giudice responsabile di “inadempimento degli obblighi assunti”. Tutti possono avanzare ricorso entro il 24 novembre. In totale sono stati chiesti 38 milioni di euro, ma l’ok del giudice è andato a 25,4 milioni di euro, sui 32 relativi a Melegatti, e 5,8 sui 6 per Nuova Marelli. Avranno priorità i ‘crediti privilegiati’, ossia le domande degli enti pubblici: Agenzia delle Entrate e Comune di San Giovanni Lupatoto, per 120mila euro di imposte mai versate.


ARTICOLI CORRELATI