Nb Renaissance valuta se cedere Farnese Vini

Milano – Un mandato esplorativo affidato alla banca d’affari Lazard. Secondo quanto pubblicato da Il Sole 24 Ore, il fondo Nb Renaissance starebbe valutando la cessione della propria quota in Farnese Vini, dopo esserne diventato azionista nel 2016, rilevando la maggioranza dalla 21 Investimenti di Alessandro Benetton. L’asta, sempre secondo il quotidiano, non sarebbe ancora in corso ufficialmente, ma sul dossier sarebbero già al lavoro sia fondi di private equity sia gruppi strategici. Farnese Vini è stata fondata nel 1994 da Valentino Sciotti (presidente e amministratore delegato) e Filippo Baccalaro. Oggi registra un fatturato di circa 75 milioni di euro ed è cresciuta a doppia cifra dopo l’ingresso dei private equity, con vendite in oltre 80 paesi nel mondo e un portfolio di marchi che comprende Caldora, Feudi di San Marzano, Vesevo, Vigneti del Vulture e Vigneti Zabu.


ARTICOLI CORRELATI