Nestlé al Mise: proposti sei mesi per l’accordo

Roma – “Un primo passo in avanti c’e’ stato”. Così il segretario nazionale Uila-Uil, Pietro Pellegrini, al portale umbria24.it, dopo l’incontro di mercoledì al ministero dello Sviluppo economico per la definizione del piano di rilancio Perugina. “Per la prima volta i toni si sono abbassati e l’azienda non ha utilizzato in maniera forte la questione esuberi”. Il viceministro Teresa Bellanova ha proposto per l’azienda un percorso di condivisione del piano industriale (con la promessa di incentivi pubblici) che comporta un periodo di sei mesi di monitoraggio con incontri bimestrali al Mise. Nestlé ha confermato la volontà di cedere i business in perdita, puntando sulle pizze surgelate Buitoni e sul cioccolato a Perugia, con investimenti da 200 milioni in tre anni, di cui 60 solo per il Bacio. Nessun aggiornamento, invece, sugli esiti dell’assemblea dei lavoratori riunitasi ieri a San Sisto.