Lidl si fa ‘valutare’ da The European House-Ambrosetti

2019-10-04T13:25:11+01:007 Ottobre 2019 - 09:10|Categorie: Retail|Tag: , , |

Milano – Una catena di discount che si mette completamente in gioco. Lidl ha deciso di sottoporsi all’analisi secondo il modello dei ‘4 Capitali’ di The European House-Ambrosetti. Che misura il valore creato da un’impresa rispetto a quattro aree: capitale economico, sociale, cognitivo, ambientale. Ne è emerso che, nel 2018, Lidl Italia ha realizzato 4,7 miliardi di euro di ricavi (+8,8% di crescita media annua negli ultimi 5 anni), posizionandosi come quinta azienda in Italia per tasso di crescita e 33esima del Paese per dimensione. Nel settore della Gd, è la prima per tasso di crescita negli ultimi 5 anni e nona per dimensione. Ogni settimana quasi 4 milioni di clienti entrano nei punti vendita nazionali. “Con l’80% dei prodotti in assortimento italiani, Lidl attiva un’estesa filiera di Pmi, con un effetto indiretto e indotto rilevante”, ha dichiarato Valerio De Molli, managing partner&ceo di The European House-Ambrosetti. “Gli acquisti realizzati da Lidl hanno un effetto moltiplicatore del valore aggiunto pari a 3,4, con un contributo totale al Pil nazionale che cresce a 2,9 miliardi di euro: per ogni euro di valore aggiunto generato direttamente da Lidl se ne attivano 2,4 aggiuntivi nell’intera economia”. Inoltre, Lidl ha investito oltre 400 milioni di euro lo scorso anno, posizionandosi tra le prime 25 aziende in Italia. Massimiliano Silvestri, presidente di Lidl Italia, aggiunge: “Abbiamo superato la quota di 16mila collaboratori e la nostra politica prevede in media l’inserimento di oltre 2mila persone ogni anno: ogni posto di lavoro creato da Lidl, ne attiva altri quattro nell’intera economia”. Sul fronte degli impegni green, ad esempio, le fonti rinnovabili sono il 100% dell’approvvigionamento di energia elettrica di Lidl.

Torna in cima