Caso Prosecco: la risposta del governatore veneto Zaia ai produttori del Carso

Ronchis (Ud) – Il governatore del Veneto, Luca Zaia, interviene sulle polemiche innescate dai produttori del Carso, nel corso della puntata del 14 novembre scorso del programma di Rai3 Report, in merito al mancato rispetto da parte delle istituzioni del protocollo d’intesa siglato nel 2009 al momento della creazione della Doc Prosecco. Intervistato dall’Ansa, dichiara: “Per me il protocollo non è scaduto, è vigente”. Poi aggiunge: “Al di là del protocollo, i produttori del Carso hanno problemi di vincoli ambientali che vanno risolti”. E tornando sulle richieste di royalty avanzate dai carsolini per l’utilizzo del nome Prosecco, Zaia specifica: “La royalty in Friuli Venezia Giulia l’hanno già avuta, con la possibilità di istituire quattro Doc Prosecco, una per ogni provincia. […] Dopodiché il costone carsico è un problema e una cosa stupenda: lì siamo all’agricoltura eroica. Togliendo i vincoli ambientali potrebbero nascere le Cinque Terre del Nordest”.


ARTICOLI CORRELATI