Chianti Classico: al via piano di interventi a sostegno delle aziende

Barberino Tavarnelle (Fi) – L’Assemblea dei soci del Consorzio Vino Chianti Classico ha approvato un piano straordinario di interventi volti a gestire gli aspetti produttivi, l’assorbimento del prodotto sul mercato e sostenere finanziariamente le aziende più colpite dall’emergenza sanitaria. Da questo punto di vista, il Consorzio ha siglato con Banca Monte dei Paschi di Siena un accordo per l’accesso preferenziale al credito riservato ai viticoltori del Gallo Nero che prevede l’utilizzo del pegno rotativo non possessorio, applicabile grazie al decreto Cura Italia anche ai prodotti agricoli e alimentari a denominazione di origine protetta, per la cui attuazione c’è da attendere il decreto attuativo del Mipaaf. Inoltre, per andare incontro alle aziende nella gestione di eventuali giacenze di prodotto, sono state approvate due misure straordinarie: la possibilità temporanea (18 mesi) di stoccaggio del prodotto fuori della zona di produzione, ma rimanendo nelle province di Firenze e di Siena; e il posticipo dell’immissione al consumo dell’annata 2019 al 1° gennaio 2021, anziché dal 1° ottobre. Costituito anche un fondo di stabilità fino a 1,5 milioni di euro per la denominazione Chianti Classico, una cui parte verrà impegnata a integrazione del contributo del Governo per la riduzione volontaria delle rese ed eventualmente, “in caso di reale necessità”, specifica il Consorzio, anche per l’acquisto di partite di vino sfuso Chianti Classico 2019.


ARTICOLI CORRELATI