Diretta Coronavirus/ European Exhibition Industry Alliance: “In Europa, perdite per 5,8 miliardi di euro”

Bruxelles (Belgio) – L’European Exhibition Industry Alliance (Eeia), l’organizzazione che raggruppa enti e gruppi dell’industria fieristica europea, ha scritto ieri una lettera rivolta a Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, spiegando cosa significhi in termini di perdite l’emergenza Coronavirus e il conseguente annullamento o spostamento degli eventi fieristici in Europa e nel mondo. “Il danno economico causato in Europa dalle esposizioni saltate, a causa delle restrizioni per contenere la diffusione del Coronavirus, è già di 5,8 miliardi di euro. Potrebbero perdere il lavoro 51.400 persone. A livello mondiale, la perdita è stimata in 14,4 miliardi”, scrive l’Eeia nella lettera riportata da Italia Oggi. L’organizzazione sottoline che le perdite in Europa saranno più consistenti che in Asia, dato che ospita più di 220 delle 500 manifestazioni rimandate o cancellate. Per questo motivo l’Eeia chiede all’Ue di lavorare affinché gli Stati membri “garantiscano liquidità e capitale circolante per superare la fase critica, da fornire senza burocrazia da parte delle banche a livello locale”. Chiede inoltre garanzie da parte della Bce e della Bei sui prestiti bancari e sulle facilitazioni sugli aiuti di Stato.


ARTICOLI CORRELATI