ESTERI
Amazon abbassa dal 15 all’8% le commissioni sulle vendite di prodotti food non deperibili

Seattle (Usa) – La sfida lanciata da Amazon al mondo del retail alimentare si arricchisce di un nuovo colpo di scena. Tramite un’e-mail, il colosso Usa dell’e-commerce ha infatti annunciato ai suoi fornitori di prodotti alimentari non deperibili che abbasserà, per un anno, le commissioni applicate alle vendite effettuate sulla sua piattaforma, che passano così dal 15% all’8%. Così recita il testo dell’e-mail, riportata da diversi quotidiani esteri: “Per aiutarti a inserire nuovi prodotti nell’offerta e mantenere i prezzi competitivi, ti offriamo uno sconto temporaneo sulle referenze grocery”. E prosegue: “Questa promozione inizia alle 12:00 del 15 ottobre 2017, e si protrarrà fino alle 11:59 del 14 ottobre 2018”. Prima della promozione, se volevano che i loro prodotti fossero facilmente accessibili tramite Prime e altri servizi Amazon, i fornitori non solo dovevano pagare ad Amazon la commissione del 15% sulle vendite, ma anche una tassa logistica per il servizio FbA – Fulfillment by Amazon. Il che rendeva decisamente poco conveniente, per i produttori, vendere sulla piattaforma referenze poco costose.