ESTERI
Francia: mettere al bando gli oggetti monouso in plastica viola il Trattato europeo

Parigi (Francia) – In Francia, la messa al bando dei prodotti monouso in plastica (quali shopper, tazze, bicchieri e piatti) scatena reazioni oppositorie. Il divieto è contenuto nella legge del 17 agosto 2015 relativa alla transizione energetica per la crescita verde, il cui decreto attuativo è stato firmato lo scorso 21 marzo dal ministro dell’ambiente francese Ségolène Royal, con entrata in vigore dal prossimo 1 luglio. Ma la Federazione europea dei trasformatori di materie plastiche (EuPC) non è rimasta ferma a guardare e ha subito inviato una lettera alla Commissione europea. Nella missiva si segnala che il divieto violerebbe la libera circolazione delle merci all’interno dell’Ue, regolamentata dagli articoli 27 e 28 del Trattato europeo: ‘Diritto alla libera circolazione dei prodotti originari degli Stati membri e dei prodotti provenienti da paesi terzi in libera pratica negli Stati membri’.

 


ARTICOLI CORRELATI