La piadina romagnola Igp cresce e guarda all’estero

Bologna – E’ stato presentato ieri, a Bologna, il piano di comunicazione per promuovere la piadina romagnola Igp. Il progetto, finanziato attraverso il Piano di sviluppo rurale della Regione, è stato pensato dal Consorzio di promozione e tutela della piadina romagnola Igp per il periodo 2019-2021 ed è finalizzato soprattutto al mercato nazionale e tedesco. Tre gli obiettivi: valorizzare il prodotto, sottolineare il legame con il suo territorio esclusivo di produzione e difenderne l’identità contro ogni imitazione. Un compito impegnativo, visto che nel mondo ci sono 93 marchi registrati di piadina. Cresce la notorietà del prodotto all’estero e cresce anche la produzione. Dalle 6.500 tonnellate del 2014, anno di nascita del Consorzio, alle oltre 20mila del 2018 (il 50% di tutta la piadina prodotta sia in Gdo sia nella ristorazione e nei chioschi). La promozione, rivolta a buyer e consumatori, punta su web, fiere ed eventi, riproponendo la Piadina-Luna, già protagonista della campagna 2018, con il pay off ‘Solo sotto la luna della Romagna nasce la piadina romagnola Igp’. Approfondimenti, ricette, minivideo con contenuti storico-tradizionali integreranno il palinsesto predisposto per i social ed è in corso la realizzazione di uno spot dedicato alla piadina romagnola Igp, che da questa estate accompagnerà sui social, a partire dal canale YouTube, i video più seguiti sui maggiori canali di informazione nazionali. Debutta il 25 luglio, a Rimini, il Piadina Night, evento annuale e itinerante; prevista la partecipazione a tutte le tappe di Tramonto DiVino; mentre a ottobre prenderà il via l’attività di promozione europea con la partecipazione del Consorzio all’Anuga di Colonia. Nel 2020 il Consorzio sarà presente a Cibus Parma con uno stand e a Sial Parigi con un evento dedicato.

In foto da sinistra: Maurizio Magni, direttore Emilia Romagna da Bere e da Mangiare; Simona Caselli, assessore Agricoltura caccia e pesca Regione Emilia Romagna; Paola Frabetti, Unioncamere; Alfio Biagini, presidente Consorzio Piadina Romagnola Igp; Alessandra Ravaioli, responsabile attività di promozione del Consorzio; Serena Pironi, tecnologo alimentare.


ARTICOLI CORRELATI