L’Industria 4.0 entra in Camera di commercio

Roma – La digitalizzazione delle imprese diventa uno degli obiettivi strategici delle Camere di commercio italiane. Nei prossimi mesi, 200 giovani funzionari, istruiti in materia, sono pronti a recarsi in ogni singola azienda per valutare di persona il livello di digitalizzazione raggiunto, come riporta un articolo pubblicato su Affari e Finanza di Repubblica. “È il secondo filone del programma Impresa 4.0: il primo sono gli incentivi, i vari super e iperammortamenti, il secondo riguarda gli interventi diretti di assistenza alle Pmi nell’utilizzo delle tecnologie 4.0. E qui entriamo in gioco noi”, spiega al quotidiano Giuseppe Tripoli, segretario generale di Unioncamere. L’attività si organizzerà in tre step: il primo sarà la costituzione di 77 Pid (Punti impresa digitale) a cui faranno capo i team di funzionari che andranno in giro a far visita alle aziende. Il secondo step prevede che vengano fornite alle aziende informazioni sugli strumenti e gli incentivi a disposizione. Il terzo e ultimo stadio vuole che le aziende più ‘motivate’ siano indirizzare ai vari Digital Innovation Hub territoriali, dove incontreranno team di esperti capaci di seguirle nelle scelte operative.