Luigi Di Maio sul Ceta: “Così com’è, non è ratificabile”

Roma – “Resta nostro obiettivo dimostrare tutti i motivi per cui questo trattato, così come ci è stato proposto, non sia ratificabile”. Così il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, risponde in question time, al Senato, in merito al Ceta. Secondo il vice premier, martedì scorso si è riunita per la terza volta la ‘task force del libero scambio’ istituita presso il Mise. Un incontro incentrato proprio sul Ceta: “Si è ritenuto di estendere la discussione alla nuova normativa interna canadese”, ha spiegato Di Maio. “Nelle prossime settimane si terranno ulteriori sessioni su questo trattato e successivamente sui trattati di libero scambio in fase di negoziazione: in attesa dei risultati dei lavori della task force, il Governo, così come previsto dal Contratto, si opporrà agli aspetti che comporteranno un eccessivo affievolimento della tutela dei diritti dei cittadini, oltre a una lesione della corretta e sostenibile concorrenza sul mercato interno. Siamo dalla parte degli agricoltori italiani e dei consumatori”.


ARTICOLI CORRELATI