L’Unione vegetariana europea contro la legge francese che vieta il ‘meat sounding’

Bruxelles (Belgio) – L’Unione vegetariana europea contro la legge francese che vieta di chiamare burger o salsicce i prodotti vegani. L’istanza è stata presentata alla Commissione Ue dall’associazione vegetariana, secondo sui la legge sul ‘meat sounding’ “crea un ostacolo al commercio intracomunitario obbligando i commercianti a cambiare le loro etichette al fine di soddisfare le esigenze del mercato francese”, commenta Sarah Champagne, dell’Associazione vegetariana francese. “Per dirla semplicemente, se ci sono produttori tedeschi, ad esempio, che vogliono vendere le loro bistecche vegetariane in Francia, queste non saranno ammesse perché si chiamano bistecca, e questo solleva un problema di parità di trattamento tra gli Stati membri sul mercato europeo”. La legge francese, proposta dalla deputata Barbara Bessot Ballot del partito La République En Marche, ha il sostegno dell’industria della carne: “Questi prodotti semplicemente non sono carne, sia in termini di composizione, che di valore nutrizionale o gusto”, ha dichiarato un portavoce della federazione Interbev. La norma è contenuta in un provvedimento più ampio che intende regolamentare il settore con l’etichetta di origine obbligatoria.