Marco Settembri (Nestlè): “Etichette a semaforo ma non per le Dop”

Milano – “Per le etichette alimentari ci vuole un compromesso: sì al Nutriscore, ma non per le Dop e le Igp”. Questa la proposta di Marco Settembri, Ceo di Nestlè per l’Europa, il Medio Oriente e il Nordafrica, indirizzata a tutto il sistema Paese Italia. “I sondaggi condotti in Europa ci dicono che i consumatori sono favorevoli al bollino rosso e verde sugli alimenti – spiega Settembri – ma è chiaro che bisogna trovare una sintesi tra le posizioni di tutti”. Il Nutriscore è già stato adottato a livello locale da una decina di Paesi. “Secondo me – commenta il Ceo di Nestlè – l’Italia deve far fronte comune con la Francia e la Spagna dicendo sì al Nutriscore, ma trattando l’esclusione dell’obbligo di etichettatura delle sue Dop e delle sue Igp, con la motivazione che queste devono già sottostare a disciplinari rigidissimi”. “Se escludiamo queste categorie di prodotti – conclude Settembri – otteniamo subito l’effetto di escludere buona parte del made in Italy da esportazione come ad esempio l’olio extravergine di oliva e il Parmigiano Reggiano, prodotti a indicazione protetta”. Secondo quanto dichiarato da Settembri, la proposta troverebbe riscontri positivi sia all’interno del governo italiano sia tra alcune associazioni della filiera.


ARTICOLI CORRELATI