Parmigiano, terremoto: “Si chiude oggi la fase dell’emergenza”

Reggio Emilia – “Con oggi possiamo finalmente dire che si chiude ‘la fase 1’, quella dell’emergenza, la più drammatica. Da domani mattina nessun casaro del parmigiano reggiano dovrà più svegliarsi e vedere il proprio lavoro di due anni ammassato a terra e danneggiato”. E’ quanto ha dichiarato oggi con un comunicato stampa Giuseppe Alai (foto), presidente del Consorzio di tutela del parmigiano reggiano, al termine dell’estrazione delle forme, cadute con la violenta scossa dello scorso 29 maggio, nel magazzino di stagionatura del caseificio Razionale Novese di Novi (Mo). Alai ha anche aggiunto di volersi concentrare ora sulla ricostruzione delle strutture danneggiate e sul pieno ripristino delle condizioni economiche dei caseifici gravati dai danni, oggi quantificabili in oltre 100-110 milioni di euro. Con l’obiettivo di “dare risposte concrete a queste realtà indispensabili al nostro territorio e in attesa della concretezza degli interventi delle Regioni e del Governo centrale, come l’attuazione del decreto legge terremoto”. (ST)


ARTICOLI CORRELATI