Pernigotti, colpo di scena: il ramo gelati ceduto a Optima

Novi Ligure (Al) – I proprietari di Pernigotti cambiano idea. Dopo aver fatto saltare il piano di salvataggio definito in agosto – con il recente stop alle trattative con Giordano Emendatori e Spes (leggi qui) – l’azienda ha annunciato ieri di aver ceduto il ramo gelati al Gruppo Optima di San Clemente (Rimini), leader nella produzione e commercializzazione degli ingredienti per gelato fondato, ironia della sorte, proprio da Emendatori nel 1984 (ma dal 2014 legato a un fondo Usa). In una nota, Pierluigi Colombi, Cfo di Pernigotti, dichiara: “Nel Gruppo Optima abbiamo trovato sia il soggetto ideale a cui cedere la divisione Ice&Pastry, sicuri di affidarla ai migliori professionisti del settore per farla crescere e prosperare, che un possibile partner di lungo periodo con cui collaborare nei prossimi anni a progetti sinergici”. Con l’acquisizione il Gruppo riminese, presente in 150 paesi nel mondo, affianca ai propri brand (Mec3, Modecor e Giuso) il marchio ‘Pernigotti Maestri Gelatieri Italiani’. I Toksoz, oltre a restare titolari del marchio ‘Pernigotti 1860’, manterranno la proprietà dell’intero sito produttivo di Novi Ligure, garantendo la produzione di preparati per gelato, cioccolato, praline e torrone (già ripartita dal 23 luglio scorso). Il progetto è stato illustrato ieri al Mise e verrà approfondito durante il tavolo già in programma per oggi al Dicastero.


ARTICOLI CORRELATI