Ppe: Cremonini sdogana Salvini?

Bruxelles (Belgio) – Ripartire dall’Europa: questo il nuovo mantra della Lega. Per accreditarsi come interlocutore affidabile a Bruxelles, il Carroccio punta ad avere un sistema di relazioni stabili. E infatti, secondo fonti diplomatiche riportate dal Corriere della Sera di sabato, sarebbero in atto “segnali di avvicinamento” tra Ppe e Lega. In questo processo di avvicinamento, sempre secondo il Corriere, un protagonista sarebbe Cremonini, noto imprenditore del settore alimentare. Avrebbe infatti parlato di Matteo Salvini con Joseph Daul, presidente del Ppe. Vicino alla scadenza del mandato, Daul ha spiegato: “Noi abbiamo l’esigenza di cambiare l’Europa. Cambiare l’Europa però non vuol dire distruggerla. Perciò, se si vuole ragionare, un punto di convergenza si trova. Ma tocca a loro fare il primo passo”. Non è ancora chiaro se il colloquio tra Cremonini e il presidente del Ppe abbia prodotto un incontro con Salvini, ma è certo che le due parti siano al lavoro da mesi, tant’è che Giancarlo Giorgetti, intervistato a fine settembre durante il programma ‘Mezz’ora in più’, non ha escluso un ingresso della Lega nel Partito popolare europeo.  


ARTICOLI CORRELATI