Teresa Bellanova richiama Froneri al dovere della responsabilità sociale

Roma – Irremovibile Froneri. “L’azienda, dimostrando la solita protervia e dispezzo del confronto, ha solo ribadito le intenzioni del 27 settembre: tutti licenziati senza alternative”. A spiegarlo la Cgil di Parma, al termine del tavolo di crisi tenutosi ieri al Mise. “Nessuna apertura nemmeno sugli ammortizzatori sociali, che i ministeri hanno ribadito essere a disposizione, né sul futuro industriale del sito”, ha continuato il sindacato. Per questo continueranno le dimostrazioni dei lavoratori, la prima è già stata programmata per domani, in Svizzera, presso il quartier generale di Nestlé. “L’azienda ha tenuto un incomprensibile e inaccettabile atteggiamento di chiusura totale, anche di fronte all’ipotesi di ricorso agli ammortizzatori sociali che pure sono disponibili”, ha commentato il viceministro Teresa Bellanova. “Ritengo perciò non più rinviabile un deciso richiamo agli azionisti, e alla Nestlé in particolare, al dovere della responsabilità sociale nei confronti di 120 famiglie e del nostro Paese. Esigenza che sarà portata anche nel Cae che si terrà a Ginevra nei prossimi giorni, al quale guardiamo con attenzione rispetto agli esiti che ne scaturiranno. Non accetteremo comportamenti disinvolti e negligenti. Per questo motivo verificheremo attentamente che tutte le misure a salvaguardia del reddito e dei posti di lavoro siano esperite e utilizzate, e pertanto a breve riconvocheremo il tavolo”.


ARTICOLI CORRELATI