Vini del Lazio: cala la produzione, cresce la qualità

Roma – “Nel Lazio è aumenta la qualità, in gran parte perché si sta smettendo di produrre vini di bassa qualità. Ma anche perché la cura del prodotto, come in tutta Italia, è cresciuta. Di Certo si tratta di una delle regioni dove la produzione è calata di più”, ha raccontato ad Affari&Finanza Marco Baccaglio, sommelier e analista di Chevreux, società del gruppo Crèdit Agricole. Secondo il blog inumeridelvino.it, curato dallo stesso Baccaglio, nel 2005 la Regione ha prodotto circa 2 milioni di ettolitri di vini bianchi e 400mila di rossi e rosati. Numeri che, nel 2011, sono scesi a 287mila per i rossi e rosati e 918mila per i bianchi.

(AR)

Tags: ,

ARTICOLI CORRELATI