Amarone: il Consorzio Valpolicella vince la causa legale contro ‘Le Famiglie Storiche’

Sant’Ambrogio di Valpolicella (Vr) – Confermato il divieto all’utilizzo del nome ‘Famiglie dell’Amarone d’Arte’, oltre alla conseguente nullità del marchio e del Manifesto dell’Amarone d’Arte. Termina con la vittoria del Consorzio tutela vini Valpolicella la battaglia legale che lo ha visto contrapporsi all’associazione che riunisce i grandi produttori di Amarone. Con un comunicato stampa, il Cda del Consorzio fa sapere che intende “dare corso integralmente a quanto disposto dalla sentenza nr. 4333/2019 della Corte d’Appello di Venezia in merito alla causa civile promossa in appello dalla compagine ‘Le Famiglie Storiche’ e dalle sue aziende associate. Nel merito, la sentenza ha respinto l’appello de ‘Le Famiglie Storiche’ e conferma quanto stabilito dal giudizio di primo grado”. Come riporta la nota, confermato anche l’obbligo di rimozione dalle etichette del marchio ormai nullo e quello di pubblicazione della sentenza su due tra i principali quotidiani italiani con spese a carico dei convenuti. La Corte d’Appello ha infine bocciato anche la valutazione sulla validità del marchio della compagine privata espressa dall’ufficio Euipo (ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale).


ARTICOLI CORRELATI